null
Home > Research >Study Centers > Evangelii Gaudium Center

Academic Research Centers

In order to promote training, study and research in areas of interest and cultural and social commitment of specific topical interest and urgency, advanced training centers have been set up with the contribution of internationally recognized expertise. The research centers pursue a twofold objective: encourage innovation through inter- and trans-disciplinary thought and action; and propose training and study experiences aimed at building leadership equipped to implement results in the spirit of a culture of dialogue and encounter.

Contacts

Evangelii Gaudium Center

Coordinatore Accademico Alessandro Clemenzia

Segretario Emilio Rocchi

Presidente del Consiglio Scientifico Card. Giuseppe Petrocchi, Arcivescovo di L’Aquila

Evangelii Gaudium Center

Il Centro Evangelii Gaudium (CEG) è un laboratorio di formazione, di studio e di ricerca operante nella prospettiva della “nuova tappa dell’evangelizzazione” cui la Chiesa è chiamata. (cf. Atti dell’Inaugurazione: Profezia di una Chiesa in uscita, 2018)

In sintonia con il progetto formativo e il metodo accademico di Sophia, il CEG ha la missione di promuovere e sostenere, con particolare attenzione alla ricchezza dei diversi contesti socio-culturali ed ecclesiali, la formazione, lo studio e la ricerca nell’ambito dell’ecclesiologia, della teologia pastorale e della missione, della teologia spirituale e della teologia dei carismi.

Corsi, seminari, stages per un cambio di paradigma.

Il Centro intende rispondere al forte invito rivolto da papa Francesco alla Chiesa in Italia a riprendere tra le mani l’Esortazione “Evangelii gaudium” per contribuire a dare concretezza, slancio, contenuto e direzione all’opera di conversione pastorale necessari ad una Chiesa chiamata ad “uscire” verso le periferie geografiche ed esistenziali di oggi.

Un compito urgente, che richiede apertura mentale ed esperienziale, ma anche un linguaggio e uno spirito nuovo, convogliando gli impulsi spirituali e le esperienze suscitati dal carisma dell’unità di Chiara Lubich.

“Ricordatevi – disse Papa Francesco nel Duomo di Firenze lo scorso 10 novembre 2015 – che il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello di fare qualcosa insieme, di fare progetti: non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buona volontà”.

Menu
X