Prospettive antropologiche in dialogo con Klaus Hemmerle

“L’uomo non coinvolge mai se stesso così tanto
come quando si dice nel linguaggio della parola o di tutto il corpo” (
Klaus Hemmerle)

In occasione del 25° anniversario della morte del Vescovo di Aquisgrana, Klaus Hemmerle e facendo eco alla forte risonanza avuta dalla Giornata di studi tenutasi lo scorso aprile 2018, il Convegno vuole portare avanti lo scavo intellettuale attorno a questa straordinaria personalità.

«La questione femminile, i rapporti di genere, il significato del matrimonio sono alcune delle questioni che attraversano la crisi antropologica che stiamo vivendo a livello planetario e da cui ci lasceremo interrogare durante il convegno – spiega Piero Coda  – una crisi che interpella anche la filosofia e la teologia, in quanto luoghi di riflessione privilegiata per un ripensamento del valore dell’essere umano e per una ricerca di senso che ci restituisca alla dignità di esseri per-la-relazione, aperti alla trascendenza dell’altro e dell’Altro».

Lo specifico apporto filosofico-teologico, l’approccio stesso del suo pensare profondamente connesso alla vita, sono le ragioni della stretta relazione tra Sophia e Klaus Hemmerle. “Tesi di ontologia trinitaria” – uno dei suoi titoli più noti – è un testo base per le ricerche del dipartimento di Ontologia trinitaria.

Il Convegno si rivolge al mondo accademico ed ecclesiastico nazionale ed internazionale, a studiosi, ricercatori, studenti e quanti sono interessati alle tematiche affrontate: qui depliant_e programma completo.

Per l’iscrizione, andare al seguente link:  http://bit.ly/2GzyeXQ  o scrivere a  coordinamento.gestionale@sophiauniversity.org

A conclusione del Convegno, sabato 4 maggio 2019 alle ore 18, con un momento culturale al quale interverranno Piero Coda, Massimo Donà, Wilfried Hagemann, Renata Simon verrà presentato il libro “Un pensare ri-conoscenteScritti sulla relazione tra filosofia e teologia”, curato da Valentina Gaudiano, docente a Sophia, ed edito da Città Nuova (Roma 2018), nella collana Per-Corsi di Sophia. Il lavoro mette a disposizione del pubblico testi di Klaus Hemmerle finora inediti in lingua italiana, corredati da un ricco apparato di note e chiavi di lettura. La partecipazione è aperta al pubblico e non richiede iscrizione.

 

Programma – 3 maggio 2019

15:30  Introduzione e saluti (Piero Coda e Valentina Gaudiano, IUS)

16:00  I sessione: Nel contesto filosofico e teologico del Novecento

  • Riflessioni sull’antropologia duale di Edith Stein. Angela Ales Bello (Pontificia Università Lateranense)
  • Immergersi nel mondo. L’espressione alla frontiera della sensibilità in Merleau-Ponty. Gianluca Falconi (IUS)

18:00 (continua)

  • Creazione, linguaggio del corpo e differenza sessuale secondo Karol Wojtyla. Josè Granados (Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per Matrimonio e Famiglia)
  • Corporeità e mistica. L’antropologia sacramentale di Pavel A. Florenskij. Natalino Valentini (ISSR “A. Marvelli” Diocesi di Rimini e di S. Marino-Montefeltro)

21:00  II sessione: Antropologia e linguaggio dell’arte. Modera: Therese Henderson (musicista, IUS)

Lettura fenomenologica ed esecuzione a quattro mani della Fantasia di Schubert. Christa Bützberger e Alessandro Cappella

Programma – 4 maggio

09:00  III sessione: Chiavi antropologiche a partire da alcuni testi di Klaus Hemmerle

  • L’“apertura” all’a/Altro: esistenza come trascendenza. Markus Enders (Albert-Ludwigs-Universität Freiburg)
  • Matrimonio e Famiglia: Metodo – Fenomeno – Evento. Maria Benedetta Curi (IUS)
  • Reciprocità e pensiero eucaristico: spunti per una antropologia trinitaria. Viviana De Marco (Istituto Teologico Marchigiano, Fermo)

11:15   IV sessione: Hemmerle in dialogo (sessioni parallele)

  • Unità distinguente – il per-formativo da Stein a Hemmerle. Valentina Gaudiano (IUS)
  • L’uomo, la donna e Dio: sguardi di antropologia biblica. Maria Giovanna Porrino (IUS)
  • L’amore come espressione della ricerca di senso: Frankl e Hemmerle. Araceli Del Pozo (Universidad Complutense Madrid, IUS)

15:00   V sessione: Uno sguardo dal Carisma dell’unità

  • Trinità e dinamica sponsale nel Paradiso ’49 di Chiara Lubich. Piero Coda (IUS)
  • Matrimonio e consacrazione in Igino Giordani. Alberto Lo Presti (Direttore Centro Igino Giordani, IUS)

 

18:00-20:00 Presentazione del libro “Un pensare ri-conoscente. Scritti sulla relazione tra filosofia e teologia”. Modera Lia Parlapiano (Istituto Universitario Sophia)

Piero Coda (Istituto Universitario Sophia), Massimo Donà (Università Vita-Salute S. Raffale), Wilfried Hagemann (Membro del Klaus Hemmerle-Werk e.V.), Renata Simon (Consigliera per gli studi del Movimento dei Focolari)

Per seguire il convegno in diretta: clicca qui

Menu
X