Dal 15 al 21 luglio scorso si è svolto al Centro di spiritualità “Vinea mea” a Loppiano il primo corso per operatori pastorali promosso dal Movimento dei Focolari in Italia, in sinergia con il Centro Evangelii Gaudium dell’Istituto Universitario Sophia, dal titolo: “Chiesa locale: comunione e missione. Percorsi pastorali alla luce della Evangelii Gaudium”.

Al programma, un vero e proprio laboratorio di formazione, studio e ricerca che trae ispirazione e nome dall’Esortazione Apostolica “Evangelii Gaudium”, hanno partecipato una sessantina di operatori pastorali provenienti da tutta l’Italia: presbiteri e laici insieme, per dare vita ad una scuola di comunione che ha inteso offrire un’esperienza di intelligenza della fede per rispondere alle sfide del mondo contemporaneo, cercando di cogliere il senso del cambiamento e valorizzando anzitutto lo stile della vita.

Un forte stimolo, per cercare con coraggio vie nuove nel campo della pastorale è venuto, sin dall’inizio del suo magistero, da Papa Francesco che, nell’Evangelii Gaudium parla della parrocchia come di una struttura che deve essere capace di riformarsi e adattarsi costantemente, “in contatto con le famiglie e con la vita del popolo” mai “separata dalla gente”, ma ambito di impegno quotidiano e condiviso, di ascolto della Parola del Vangelo, di comunione di vita e di dialogo, nella carità.

La scuola ha offerto strumenti teorici e pratici, volti in particolare a quanti sono impegnati a rendere il carisma dell’unità “visibile e sperimentabile” nelle articolazioni della Chiesa italiana, consapevoli che si tratta di un dono che lo Spirito Santo ha dato a Chiara Lubich per la Chiesa del nostro tempo. Per questo, le giornate, scandite da lezioni di teologia, ecclesiologia, spiritualità e anche dalla presentazione e dall’analisi di alcune esperienze pastorali, hanno reso possibile un serio confronto con esperti, oltre che la presentazione di metodi e paradigmi formativi.

In apertura, una ricca introduzione al “metodo trinitario” da parte di mons. Piero Coda, preside di Sophia, e un tema programmatico del Card. mons. Giuseppe Petrocchi, presidente del Consiglio scientifico del Centro Evangelii Gaudium, hanno posto le basi al lavoro dei partecipanti. Tra le voci autorevoli che hanno offerto un contributo di approfondimento, anche mons. Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’Educazione Cattolica e del prof. Vincenzo Buonomo, rettore magnifico della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Un secondo appuntamento, di profilo più laboratoriale, si aprirà dalla prima metà di ottobre 2018 presso alcune parrocchie e diocesi, dove sono in atto esperienze pastorali significative e replicabili. I partecipanti dunque si rivedranno tra qualche settimana, per un ulteriore momento di ricerca, di verifica e di condivisione.

Menu
X