fbpx
null
Home > Programmes > DIR 101

Teologia e prassi del dialogo interreligioso

TEO 207 Teologia e prassi del dialogo interreligioso 

Ore di lezione frontale: 21

ECTS: 3

LM-OT  Indirizzo in Teologia

Anno: e

Modulo:

 

Attraverso una ripresa storica, durante il corso si cercherà di interrogare innanzi tutto la Rivelazione, a partire dall’Antico e dal Nuovo Testamento, a proposito di questa questione. Seguirà un’interpretazione teologica dell’assioma “extra Ecclesiam nulla salus”, coniato nei primi secoli del cristianesimo, ricosteruendone la storia sino ai giorni nostri. Tutto culminerà con l’analisi del dibattito teologico del Novecento che precede e prepara la Dichiarazione del Concilio Ecumenico Vaticano II sul rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane “Nostra aetate”, cui seguirà l’offerta di brevi cenni su alcuni temi teologici connessi alla questione: l’iniziativa salvifica del Padre, la mediazione universale su Gesù Cristo, l’universalità del dono dello Spirito Santo, il ruolo della Chiesa nel disegno universale di salvezza. La seconda parte del corso proporrà l’esperienza e la teologia del dialogo con i fedeli di altre tradizioni religiose alla luce del carisma dell’unità, in quanto esso offre una proposta originale nel variegato panorama di esperienze del dialogo interreligioso. Partendo dalla nascita e dallo sviluppo del rapporto che Chiara Lubich e il Movimento dei Focolari hanno stabilito con seguaci dell’ebraismo, dell’islam e del buddhismo, dell’induismo e di religioni tradizionali, se ne metterà in evidenza l’apporto specifico in rapporto alle diverse tipologie di dialogo tratteggiate nei documenti ufficiali della Chiesa cattolica: dialogo della vita, dialogo delle opere, dialogo degli esperti e dialogo dell’esperienza religiosa. Si tratteggeranno poi le consonanze tra lo sviluppo del Magistero conciliare e post-conciliare e il dialogo nato dal carisma dell’unità, che confermano la co-essenzialità tra profilo petrino e profilo mariano della Chiesa (Giovanni Paolo II). Si cercherà inoltre di aprire piste di ricerca soprattutto alla luce della nascita e dello sviluppo di movimenti di rinnovamento all’interno delle diverse religioni (Rissho Kosei kai, movimento di Fetulal Gulen, seguaci dell’imam W.D. Mohammad, movimenti gandhiani) che si stanno rivelando efficaci vie di dialogo tra le religioni.

Bibliografia di riferimento:

COMMISSIONE TEOLOGICA INTERNAZIONALE, Il cristianesimo e le religioni, in La Civiltà Cattolica, 148 (1997), I, 146-183. 

P. CODA, Il logos e il nulla. Trinità, religioni, mistica, Città Nuova, Roma 2003. 

V. DI PILATO, All’incontro con Dio. In dialogo con la teologia di H. Waldenfels, Città Nuova, Roma 2006. 

P. FRIZZI, Religioni e disordine mondiale (le sfide dell’epoca post-globale), Città Nuova, Roma 2017. 

R. CATALANO, Spiritualità di comunione e dialogo interreligioso. L’esperienza di Chiara Lubich e del movimento dei Focolari, Città Nuova, Roma 2010. 

IDEM, Mohammad Shomali. L’ottimismo del dialogo (intervista) in «Nuova Umanità», XXXV (2013/6) 210, 677-690. 

IDEM, Minoti Aram e Chiara Lubich: un dialogo di cuori e di vita. in «Nuova Umanità», XXXVI (2014/2) 214, 207-220 

IDEM, «Gülen, Focolare, and Rissho Kosei-kai Movements. Commonalities for Religious and Social Renewal», Claritas Journal, Vol 4, 1(2015) 

IDEM, L’amicizia spirituale fra Chiara Lubich e l’Imam W.D. Mohammad, ponte di dialogo fra musulmani e cristiani, «Nuova Umanità», XXXVII (3/2015), 219, pp.377-400. 

IDEM, Movimenti Ecclesiali e “Nostra Aetate”, in «Nuova Umanità». XXXIX (1/2017), 225. 

IDEM, Commonalities among Renewal Movements across Religions in Kee-Fook Chia E. (ed. by), Interfaith Dialogue. Global Perspectives, Palgrave Macmillan, New York 2016, pp. 223236. 

P. FERRARA, Religioni e relazioni internazionali (atlante teopolitico), Città Nuova, Roma 2014.

Professor Vincenzo Di Pilato 

Professor Roberto Catalano

Professor Paolo Frizzi

Menu
X