fbpx

CALL FOR PAPERS – BANDO PER LA PUBBLICAZIONE DI ELABORATI

in occasione del II CONGRESSO INTERNAZIONALE

“Cogovernança como processo de construção de fraternidade na política, a partir das cidades” – “Cogovernance, un processo di costruzione della fraternità in politica a partire dalle città” –

online, 9/12 ottobre 2021 – dalla Mariapoli Ginetta, Vargem Grande Paulista/SP, Brasile

promosso da: Movimento politico per l’unità, Umanità Nuova, Istituto Universitario Sophia e Sophia ALC/Latino-America e Caraibi

NEL CONTESTO ATTUALE

L’urbanizzazione crescente in un contesto irreversibilmente globale e scosso da reazioni regressive sta incrementando l’importanza degli studi sulle città e sul loro futuro.

United Nation Habitat, the Urban Agenda for the E.U., centri di ricerca e studiosi di discipline diverse indagano in questa direzione. Le città sono il luogo originario della politica e anche oggi, pur sotto la pressione di eventi drammatici come la pandemia, si rivelano capaci di aprire soluzioni a problemi che i livelli politici nazionali e internazionali affrontano con risultati insoddisfacenti. Tutto ciò richiede competenze, capacità cooperativa, resilienza… una visione di ciò che spinge in avanti l’umanità e in quale direzione.

La sfida è comprendere in che modo debbano essere governate le città oggi: quale ruolo è richiesto agli amministratori, in un contesto di interdipendenza che moltiplica le connessioni tra le funzioni e tra i livelli di governo? E la dimensione della partecipazione dei cittadini e degli attori collettivi, quale spazio occupa nel disegno del governo urbano, che deve rispondere alla domanda di una più matura qualità democratica?

L’uso del territorio, la valorizzazione delle periferie, il risanamento dove la violenza lacera le relazioni insieme alle case, la cura del patrimonio ambientale, la tecnologia e la rivoluzione digitale al servizio della vivibilità, i processi di inclusione e integrazione sociale, la risposta alla disuguaglianza e alla corruzione, la cooperazione tra le città… con quali strumenti di governo affrontare questi ambiti decisivi per il nostro futuro? In quale relazione stanno “sapere diffuso” e “sapere esperto”, per una effettiva rigenerazione del pensiero e della prassi democratica?

LA SFIDA DELLA COGOVERNANCE

In questo quadro, da alcuni decenni stanno emergendo alcuni concetti innovativi. Uno di questi è l’idea di cogovernance, che permette di intravedere l’elaborazione di un diverso paradigma politico-amministrativo. Numerosi laboratori e piani urbani, seminari di studio e ricerche sono concordi nel raffigurare l’emergere di “un’epoca collaborativa”, non programmata, a intensità diversa ma con caratteristiche simili. Ciò che si constata è la diffusione di nuovi modelli organizzativi e di gestione dei servizi e dei beni, basati su connessioni nel tessuto urbano tra persone, gruppi e istituzioni. Si fa strada la convinzione che il “miglior governo” non sia quello del leader illuminato che organizza il potere in modo virtuoso; è migliore, piuttosto, il governo dove la leadership è la capacità del sistema-città di concepire collettivamente una visione comune e di agire in corresponsabilità.

A questo punto sarebbe meglio dire, più correttamente, che la riflessione centrata sulla co-governance, più che un concetto delinei un processo, e cioè l’organizzarsi progressivo di più elementi di natura politica e tecnica (regole, strumenti, percorsi…) che, sulla base delle sperimentazioni e delle prime ricerche a disposizione, individuano un modello di governo partecipativo che punta ad un alto livello di collaborazione intersoggettiva e multisettoriale, nei contesti complessi delle città contemporanee.

Un processo che riconosce e valorizza chi agisce nelle istituzioni (politici, funzionari, esperti) e chi agisce a partire dai luoghi di vita quotidiana (cittadini attivi, comunità di quartiere, associazioni, media, realtà culturali e formative, economiche, sociali…).

IL PERCORSO E LA CALL FOR PAPERS

Un primo Congresso internazionale su questi temi – “Co-governance. Mutual Responsibility in Cities Today” –  si è svolto nel gennaio 2019 a Castel Gandolfo, Roma. In quella occasione, un team di docenti e studenti di scienze politiche dell’Istituto Universitario Sophia aveva partecipato sia all’organizzazione che allo svolgimento del programma, curando in particolare la specifica metodologia partecipativa che aveva coinvolto i 400 partecipanti nella scrittura del documento conclusivo. Il percorso avviato nel 2019 prevedeva altri appuntamenti internazionali, ogni due anni in un diverso continente, per condividere la ricerca e la sperimentazione sui capitoli di politica pubblica in cui la cogovernance ha già aperto interessanti cantieri in vari Paesi del mondo.

Si colloca su questa strada il II Congresso internazionale che si terrà online dal Brasile nel prossimo mese di ottobre 2021, e che vede in prima fila una rete di organizzazioni del Latino-America. Per questo il Comitato promotore ha lanciato anche una Call for papers per approfondire e sottoporre a verifica argomenti e dimensioni di ricerca correlati a questo tema, contributi che verranno raccolti in formato e-book dall’Editrice brasiliana ASCES e resi pubblici sul sito del Centro Universitario ASCES-UNITA di Caruarù/PE (oltre che su www.co-governance.org).

Chi intende partecipare può presentare un elaborato inedito che discuta uno o più tra gli argomenti attinenti i temi citati nel bando, in lingua portoghese, spagnola, inglese o italiana, entro il 21 giugno 2021.

  • Maggiori info nelle schede allegate

Download:

Menu
X