fbpx

Alle 18 di Sabato 4 luglio, dopo sei pomeriggi di lavoro intenso e partecipato ci siamo visti per l’ultima volta su zoom e ci siamo detti un arrivederci: in 521 eravamo collegati in diretta e 1000 in differita da 31 Paesi, con traduzioni in inglese, francese, portoghese, spagnolo, rumeno, urdu, e forse altre lingue …. niente male per un corso che quasi si voleva annullare causa pandemia e che si è riproposto online aperto al mondo: dall’Oceania si sono collegati fino a mezzanotte e dalla Colombia alle 7 del mattino erano già con noi; giovani, adulti, vescovi, laici, sacerdoti, famiglie, religiosi e consacrate, alcune comunità del Movimento dei Focolari in Pakistan, Venezuela, Colombia, Brasile, come anche comunità parrocchiali e diocesane, si sono sintonizzate per ascoltare e lavorare insieme.

Le relazioni di docenti universitari sono state seguite e apprezzate, i laboratori, per i temi trattati, sono stati molto vivaci, i dialoghi non teorici ma intessuti di vita.

Le impressioni arrivate dicono un grande entusiasmo e desiderio di rendere vita ciò che hanno ascoltato, di capire sempre meglio e in profondità come fare per essere costruttori di rapporti vivi e generatori di comunità, come affrontare le sfide attuali e provare a superarle. E’ tangibile il desiderio e la necessità di essere realmente formati per essere Chiesa di popolo che cammina con il popolo.

Ben vengano allora altri momenti di approfondimento durante l’anno, magari nei continenti e inculturati nelle realtà particolari.

 

 

 

 

 

Menu
X