fbpx

Il Concilio Vaticano II e un carisma al servizio dell’unità

di Michele Zanzucchi

Era stato organizzato dall’Istituto Universitario Sophia e dal Centro Chiara Lubich per i cento anni dalla nascita di Chiara Lubich, la fondatrice del Movimento dei Focolari. Poi la pandemia ha costretto a rinviarlo due volte. Oggi, finalmente il convegno internazionale “il Concilio Vaticano II e il carisma dell’unità di Chiara Lubich: 1 / Dei Verbum e Lumen Gentium” vede la luce a Firenze, l’11 marzo 2022 alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale e il 12 marzo a Palazzo Vecchio, nel Salone dei Cinquecento. Il convegno ha il patrocinio del Comune di Firenze, e si svolgerà con la partecipazione della Associazione Teologica Italiana, della Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, dell’Istituto Paolo VI, del Centro Internazionale Studenti Giorgio La Pira, di Città Nuova, della Scuola Abbà e ovviamente del Movimento dei Focolari. Il comitato scientifico è composto da Alessandro Clemenzia, Piero Coda, Florence Gillet, João Manoel Motta e Alba Sgariglia. 

L’11 novembre del 1965, la Lubich diceva in una preghiera significativa: «Oh! Spirito Santo, facci diventare, attraverso ciò che già hai suggerito in Concilio, Chiesa viva: questa è l’unica nostra brama e tutto il resto serve a questo». È con questo spirito che il convegno si prefigge l’obiettivo di avviare un’indagine approfondita volta a cogliere, per un verso, se e come il messaggio del Concilio trovi nell’esperienza suscitata dal carisma al servizio dell’unità un fecondo luogo d’interpretazione e sviluppo; e, per l’altro, se e come la fioritura di vita ecclesiale promossa dal carisma dell’unità sia stata resa possibile e propiziata dall’orizzonte dischiuso dal Vaticano II. In questa prima tappa, l’attenzione si concentra sulla Dei Verbum e sulla Lumen Gentium, al fine di mettere a fuoco i profili di convergenza e gli apporti della dottrina conciliare e dell’ispirazione del carisma dell’unità intorno al nesso cruciale per cui la Chiesa nasce e cresce come incarnazione storica, nel soffio dello Spirito, della Parola che «carne si è fatta» (Gv 1,14).

Il programma del convegno è particolarmente denso. Nella prima giornata si notano gli interventi di Piero Coda, già preside dell’Istituto Universitario Sophia (“Una coincidenza cronologica e kairologica: un concilio e un carisma. Per un discernimento teologico della correlazione tra Vaticano II e carisma dell’unità”), di Paolo Siniscalco dell’Università La Sapienza di Roma (“Chiara Lubich all’epoca del Vaticano II”) e del teologo Severino Dianich (“L’evento del Concilio Vaticano II: sacramento… dell’unità di tutto il genere umano”).

L’indomani, sabato, il convegno si sposta nella prestigiosa sede del Palazzo Vecchio, in quella Sala dei Cinquecento che ha già visto svolgersi, sin dal 1964, dei convegni dei Focolari. Aprirà i lavori l’attuale presidente dei Focolari, Margaret Karram. Parlando della Dei Verbum, Vincenzo Di Pilato (FTP) affronterà il tema de “L’alfabeto per conoscere Cristo. La Parola di Dio evento permanente di salvezza nella Dei Verbum”. Da parte sua Florence Gillet, del Centro Chiara Lubich, affronterà il tema: “La Parola di Dio in Chiara Lubich: presenza viva di Cristo che genera la Chiesa”. Quindi una tavola rotonda con Giovanna Porrino (IUS) su “La Parola nella vita della Chiesa”, Declan O’Byrne (IUS), “La Parola e lo Spirito”, Angelo Maffeis (FTIS) su “La Parola di Dio come principio di unità” e il teologo evangelico Stefan Tobler (USBL) su “Una mistica della Parola come via all’ecumenismo”.

Si passerà poi a una relazione su “La Chiesa e il principio mariano”, pronunciata da mons. Brendan Leahy (vescovo di Limerick, in Irlanda). La seguente tavola rotonda vedrà gli interventi di Alessandro Clemenzia (FTIC / IUS), “La Chiesa dalla Trinità”, di Assunta Steccanella (FTT/TV), “Il popolo messianico”, di Erio Castellucci, vescovo di Modena-Nonantola e vice-presidente CEI, “Collegialità episcopale e sinodalità della Chiesa” e di Cristiana Dobner (carmelitana scalza), “I carismi nella missione della Chiesa”. Infine, sul tema “Un’icona dell’ecclesiologia del Vaticano II”, interverrà la teologa Yvonne Dohna Schlobitten della Gregoriana.

 

CS – Convegno Il Concilio Vaticano II e il carisma dell’Unità di Chiara Lubich
 

Info: convegnofirenze2022@centrochiaralubich.org. Tel. +39 06 94798227 – WhatsApp +39 380 6541677

Menu
X