fbpx

Scuola di Dottorato

Il Dottorato di Ricerca è il massimo grado di istruzione previsto nell’ordinamento accademico ed è volto ad acquisire competenze di alta qualificazione, necessarie ad esercitare attività di ricerca presso università, enti pubblici e soggetti privati: si tratta di un percorso di 3 anni dedicato alla ricerca e alla elaborazione della tesi dottorale, che si conclude con la discussione pubblica della dissertazione.

Presso Sophia è possibile conseguire il Dottorato ordinario in

  • Ontologia Trinitaria (con indirizzo in Filosofia e con indirizzo in Teologia)
  • Scienze Politiche
  • Economics and Management
  • Cultura dell’Unità (con gli indirizzi specificati nei progetti di ricerca e determinati dal Consiglio della Scuola di Dottorato)

Sono possibili Dottorati congiunti o duali, attraverso specifici protocolli d’intesa sottoscritti con altre Istituzioni accademiche.

Al Dottorato ordinario possono accedere i candidati che abbiano conseguito un grado accademico di secondo livello (Laurea specialistica o magistrale, postgrado, master’s, licenza) con un percorso universitario non inferiore a 5 anni di durata, corrispondente ad almeno 300 ECTS.

Per informazioni: phd@sophiauniversity.org

Struttura

La Scuola di Dottorato coordina le azioni e le strategie necessarie allo sviluppo dei percorsi di studio e ricerca, valorizzando la prospettiva inter e transdisciplinare tipica dell’Istituto.

Direttrice della Scuola di Dottorato (dal 18 marzo 2020): prof. Daniela Ropelato

(Dal Regolamento) Il Direttore, eletto dal Consiglio Accademico tra i professori stabili, dura in carica quattro anni ed è rieleggibile per un solo mandato consecutivo. E’ responsabile dell’organizzazione e del funzionamento complessivo della Scuola e dei suoi percorsi formativi. E’ coadiuvato dal Consiglio della Scuola di Dottorato nel processo di ammissione dei candidati, tenendo conto in particolare dell’attitudine alla ricerca e della congruità del progetto con i fini specifici di Sophia.

Procedura e scadenze annuali

  • Entro il 15 febbraio, per l’ammissione al Dottorato ordinario è necessario presentare alla Segreteria Accademica specifica domanda, indicando le principali motivazioni, e allegando
    – il curriculum personale e professionale
    –  le linee di un progetto di ricerca di non meno di 10 mila battute (spazi inclusi) comprendente la presentazione dell’argomento con riferimenti puntuali alla letteratura esistente su di esso, le motivazioni della scelta, la formulazione delle ipotesi di ricerca e la metodologia, una bibliografia ragionata.
  • Entro il 15 marzo il candidato sarà invitato ad un colloquio di persona o per via telematica con uno o più Docenti di Sophia ed entro il 31 marzo la Segreteria Accademica, su indicazione del Direttore della Scuola, comunicherà l’esito insindacabile della procedura di valutazione. Nel caso di ammissione, trasmetterà anche il nome del Relatore assegnato, scelto col consenso del candidato tra i Docenti dell’Istituto.
  • L’iscrizione decorre in ogni caso a partire dal versamento della prima rata della tassa di iscrizione annuale: il termine per il pagamento della prima rata è il 15 novembre, mentre per la seconda rata è il 15 marzo.

Il Dottorando che non abbia conseguito la Laurea magistrale di Sophia dovrà frequentare alcuni corsi e sostenere i relativi esami per almeno 30 ECTS. Per tutti, il percorso di studi già compiuto dev’essere adeguato al progetto di Dottorato; in caso contrario può essere richiesto di frequentare corsi integrativi e/o di seguire programmi di studio personalizzati, nell’arco dei primi due anni accademici dall’iscrizione.

E’ richiesta la conoscenza di almeno due lingue moderne; ulteriori conoscenze linguistiche possono essere richieste in relazione all’ambito disciplinare e all’argomento del progetto di ricerca. Nell’ambito del Dottorato in Economics and Management una delle due lingue deve essere quella inglese.

  • Entro il 30 settembre, al termine del primo anno accademico, il Dottorando presenta al Relatore e al Direttore della Scuola la domanda di approvazione definitiva del progetto di ricerca, comprendente il titolo provvisorio, una versione rivista e approfondita del progetto stesso, una bibliografia adeguata e una agenda per il proseguimento del Dottorato. Con l’approvazione del progetto, il Consiglio della Scuola di Dottorato assegnerà due Co-relatori, con la funzione di assicurare, congiuntamente al Relatore, il metodo scientifico della ricerca e la qualità dei contenuti. Uno dei due potrà appartenere ad altra istituzione accademica. 
  • Entro il 30 settembre, al termine del secondo anno accademico, il Dottorando presenta al Relatore ed al Direttore della Scuola una relazione scritta sullo stato della ricerca, chiedendo il passaggio al successivo anno accademico.  Sono possibili due iscrizioni annuali fuori corso; la durata del Dottorato non potrà superare comunque i cinque anni accademici (escluso un eventuale periodo di sospensione di un anno).

Obblighi del Dottorando

Ad ogni Dottorando è proposta un’esperienza significativa di vita e studio nell’ambito del progetto accademico dell’Istituto. Per questo si impegna a seguire il programma predisposto, partecipando in particolare:

  1. alla “PhD week” o Settimana dei Dottorandi, promossa per favorire l’approfondimento del metodo e del programma accademico disciplinare, inter e transdisciplinare dell’Istituto;

  2. ai seminari che si svolgono su temi disciplinari e sulla metodologia della ricerca, secondo le modalità concordate, e ai corsi d’insegnamento – e relativi esami – assegnati al momento dell’iscrizione, necessari a quanti non abbiano conseguito la Laurea magistrale a Sophia.

La lingua di stesura della tesi viene concordata con il Relatore all’inizio del lavoro e può essere scelta tra le seguenti: italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, portoghese.

Prediscussione e discussione in seduta pubblica

Nel corso del terzo anno accademico, il Relatore valuta la maturità della tesi in vista della prediscussione e ne concorda la data con il Direttore della Scuola. Obiettivo della prediscussione è la verifica del grado di maturità della ricerca e dell’apporto innovativo che essa offre in sintonia con il programma accademico dell’Istituto. La Commissione di valutazione è convocata dopo che il Dottorando ha presentato alla Segreteria Accademica, almeno 30 giorni prima della data, quattro copie non rilegate della tesi controfirmate dal Relatore.

La consegna della tesi definitiva (cinque copie cartacee rilegate ed una copia elettronica) alla Segreteria Accademica deve avvenire entro 30 giorni dalla data fissata per la sessione pubblica di dissertazione. La tesi deve prevedere da un minimo di 400 mila ad un massimo di 600 mila caratteri spazi inclusi, secondo le norme di uniformità predisposte dall’Istituto. La valutazione è espressa in centesimi, di cui 90 da attribuirsi al lavoro di tesi e 10 alla discussione.

Il conferimento del titolo di Dottore di ricerca (Ph.D.) si considera perfezionato con resa pubblica della tesi, validata dal Relatore, dai Co-relatori e dal Direttore della Scuola di Dottorato, nella biblioteca dell’Istituto.

Documenti di iscrizione -  Borse di studio - Annuario 2020/2021

Menu
X